fbpx

Arance Valencia: una delle cultivar più diffuse al mondo

Le Arance Valencia sono probabilmente le arance più diffuse al mondo, utilizzate per spremute o da mangiare crude in insalate, presentano dimensioni medio-grandi, con un diametro medio di 7-10 centimetri. La buccia molto sottile è di colore arancione dorato, con al tatto risulta molto ruvida. Questo in quanto le ghiandole sebacee sono molto evidenti, e contengono al loro interno oli essenziali molto intensi. All’interno il frutto presenta una parte attaccata alla buccia spugnosa e bianca. La polpa giallo-arancio invece interna è davvero tenera e piena di succo. È importante sottolineare che l’Arancia Valencia è molto diversa da altre che possiamo trovare in commercio, come accade per la Differenza tra arance Navel e Tarocco.

Arance valencia provenienza

L’arancia valencia prende il nome dalla città di Valencia che si trova in Spagna. Conosciuta anche come “Il frutteto di Spagna”, Valencia presenta una quantità di aranci incredibile. Infatti il simbolo della città è proprio quello dell’arancio. Le arance di Valencia sono di solito utilizzate per creare un’ottima Spremuta d’arancia da bere al mattino. Il suo succo viene anche impiegato nella realizzazione di cocktail locali come ad esempio L’Agua de Valencia. Si tratta di un cocktail che unisce il gusto unico dell’arancia ad una miscela di liquori e zucchero.

Le arance valencia sono anche ottime da mangiare crude all’interno di piatti estivi, come ad esempio insalate di finocchi. Ma possono anche essere impiegate all’interno di dessert. Oltre ai mille impieghi culinari, i fiori degli aranci di Valencia vengono spesso utilizzati per realizzare dei maestosi bouquet da sposa. Le origini dell’arancia di Valencia sono abbastanza controverse. Infatti per alcuni esperti questa varietà proviene dalla Cina e poi è diventata famosa sulla costa valenciana. Altri invece ritengono che l’arancia valencia, era già nota e popolare in California nel XIX secolo. Ad ogni modo, questa tipologia di arancia, amata per il suo succo corposo e dolce, è largamente coltivata ad oggi in tutto il Mondo. In particolare:

  • Spagna;
  • Marocco;
  • Sud Africa;
  • Brasile;
  • Messico;
  • Florida;
  • Texas;
  • California.

Arance valencia periodo

Le arance Valencia, chiamate Citrus sinensis in botanica, sono varietà di arancia molto dolce che appartiene alla famiglia delle Rutaceae. Si tratta di un’arancia inoltre estiva che presenta moltissime sottocategorie e ibridi. Probabilmente la varietà più popolare al mondo e maggiormente apprezzata proprio per il suo gusto dolce. Il succo di questa varietà è così amato, che sono moltissime le coltivazioni di arancia Valencia nel mondo. In particolare le arance Valencia rappresentano più della metà della coltivazione di agrumi presenti in Florida.

Arance valencia: impieghi in cucina

Le arance Valencia, come abbiamo avuto modo di vedere, sono largamente amate per il loro succo dolce e vellutato. Ma possono anche essere mangiate crude e avere diversi impieghi in cucina, come accade anche per il tarocco. Inoltre il succo può essere sfruttato per ottenere una perfetta marinatura del pesce e per creare degli sciroppi o liquori dal gusto intenso. La buccia può essere usata inoltre per insaporire bene torte, pane, crème brulée, crostate, risotti, pesce e carne. Può essere impiegata anche nella realizzazione di salse da abbinare alla carne, salate o agrodolci

Per quanto riguarda invece la polpa, questa viene di solito impiegata nella realizzazione di insalate fredde o cestini di frutta. Mentre la scorza, se affettata, dà vita a delle gustose fettine di arancia al cioccolato candita, da gustare dove e quando vogliamo. C’è anche da dire che le arance Valencia possono essere benissimo accompagnate agli asparagi, piselli, broccoli e soprattutto ai finocchi, con un filo di olio d’oliva fresco e del pepe rosa o nero. Per quanto potrebbero sembrare simili, le arance Valencia non sono uguali alle Arance tarocco. Infatti queste ultime presentano una facilità ad essere sbucciate per via di un certo spessore della buccia, assente invece nelle arance Valencia. Le quali contrariamente sono difficili da sbucciare e per questo più adatte ad essere spremute. Il Tarocco invece, generalmente, viene mangiato crudo dopo essere stato sbucciato tranquillamente con le mani. Inoltre il colore della polpa interna al frutto, per quanto riguarda il tarocco è solitamente rossastro, quasi sanguigno. Mentre la varietà in questione, presenta una polpa come abbiamo visto quasi dorata. Il gusto dolce e il carattere succoso dell’agrume, rende le arance valenciane le migliori da bere. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

quattro + quattordici =

Menu
0
    0
    Il Tuo Carrello
    Carrello vuotoRitorna al negozio